lunedì 21 maggio 2018

Tuo, Simon - Sono andata al cinema! | recensione|

Oggi, miei piccole volpi, articolo importante...
Sono andata a vedere un'anteprima al cinema!



Voi siete mai stati ad un'anteprima? Io no, non prima di mercoledì, almeno.
Perché mercoledì 16 maggio sono andata a vedere la mia prima anteprima (e scusatemi per il gioco di parole), insieme a Marika di Libri riflessi in uno specchio che ho avuto il piacere di conoscere di persona (anche perché è stata proprio lei a farmi sapere di questa anteprima!).
Vi anticipo già che il film mi è piaciuto molto e che ora voglio assolutamente recuperare il libro per poter fare un confronto e reimmergermi in questa bella storia.

Oggi, con quasi due settimane di anticipo sull'uscita ufficiale, vi parlo di Tuo, Simon film tratto dal libro Non so chi sei, ma sono qui di Becky Albertalli  (Simon vs the homo sapiens agenda).

Trama:

Tutti meritano una grande storia d'amore. Ma nel caso del diciassettenne Simon Spier non è così semplice.
Il giovane ragazzo sta vivendo i duri anni del liceo e, soprattutto, non ha ancora rivelato ai suoi familiari e amici di essere gay, sopportando ogni giorno il peso di un segreto che deve custodire finché non riuscirà a dichiararlo.
Decide di esporsi solo nel mondo virtuale, iniziando a flirtare online con un compagno di classe di cui non conosce l'identità e che si nasconde sotto lo pseudonimo di "Blue".
Qualche scambio di mail si trasforma così in un vero e proprio innamoramento, dolce e passionale. Un imprevisto, però, potrebbe sconvolgere l'esistenza di Simon: un'email destinata alla sua cotta finisce accidentalmente nelle mani sbagliate e il suo segreto rischia di diventare di pubblico dominio.
Il ragazzo si ritrova così incastrato in una situazione complicata e ansiogena, che lo espone a continui rischi, soprusi, minacce e ricatti da parte dei bulli della sua classe, che lo tengono in pugno.





Tuo, Simon (Love, Simon) è un film del 2018 diretto da Greg Berlanti.
Il film è l'adattamento cinematografico del romanzo Non so chi sei, ma io sono qui (Simon vs. the Homo Sapiens Agenda) di Becky Albertalli. Protagonista è Nick Robinson, che interpreta il diciassettenne gay Simon.Fanno parte del cast anche Katherine Langford, Alexandra Shipp, Miles Heizer, Logan Miller, Jennifer Garner e Josh Duhamel.


Prima di aprire il blog, presa non so bene da cosa, sono andata a vedere Noi siamo infinito (sono certa che ve lo ricordate): ne sono uscita devastata psicologicamente e con i feels quattordici metri sotto terra. Mi sono ripromessa che non avrei mai più visto al cinema un film del genere, e badate bene che mi era anche piaciuto.
Inutile dire che, dopo questa esperienza, ho sperato fino all'ultimo che Tuo, Simon non fosse così triste, perché non credo che un bis avrebbe giovato al mio piccolo cuoricino.
Per fortuna le mie preghiere sono state ascoltate...

Tuo, Simon è un film divertente ed emozionante, che cattura lo spettatore fin dai primi minuti, coinvolgendolo nella storia di Simon e del suo segreto.
Perfetto per un pubblico giovane, che non potrà fare altro che rispecchiarsi nei protagonisti, ma anche per uno un po' più adulto.

Non avendo letto il libro (come vi dicevo qui sopra), non potrò fare un confronto con il film e nemmeno dirvi se la trama è più o meno corrispondente, ma posso dirvi che mi è piaciuta dall'inizio alla fine.
Ho trovato che il tema dell'omosessualità sia stato trattato in maniera molto delicata e pertinente, senza mai scadere nella banalità e nel ridicolo. Il tutto è stato reso in maniera perfetta, con il giusto compromesso tra serietà e divertimento, con battute simpatiche ma non fuori luogo e ben bilanciate ai discorsi che richiedevano un pizzico di serietà in più. 
Da un punto di vista generale, la trama non è particolarmente intricata, ma cattura lo spettatore fin dai primi minuti perché, proprio come Simon, non si desidera altro che scoprire l'identità di Blue.

Ho apprezzato molto anche i personaggi e la loro caratterizzazione.
Non mi riferisco solo a Simon che, essendo il protagonista, è quello che più viene analizzato e di cui si sa di più, ma anche a tutti gli altri.
Oltre a Simon, che è quasi impossibile non amare, perché è simpaticissimo e dolcissimo, la mia preferita è stata Leah, perché un po' mi sono rivista in lei e nei suoi modi di fare. Altra figura che mi è piaciuta e che, per quanto minore, gioca un ruolo importante, è Nora, la sorella minore di Simon.
Sempre a proposito di personaggi, credo sia d'obbligo dire due parole sugli attori che li hanno interpretati e che quindi hanno dato loro vita.
Ammetto la mia totale ignoranza e vi dico che non ne conoscevo nemmeno uno, ad esclusione di Jenifer Garner (avrò visto Electra almeno 20 volte) e di Josh Duhamel (vado pazza per Transformers).
Nick Robinson, il nostro caro Simon, mi è piaciuto molto!
Di recitazione non me ne intendo nemmeno un po', ma l'ho trovato molto bravo e naturale, la sua è stata davvero un'ottima interpretazione. Mi concentro su di lui, perché è il protagonista, ma ovviamente gli altri attori non sono stati da meno!

Altra cosa che mi ha colpito positivamente di Tuo, Simon, sono state le musiche che ho trovato sempre perfettamente abbinate alla scena e al momento che si stava raccontando.
In generale, per quel poco che me ne intendo, credo che con questo film sia stato fatto un ottimo lavoro sotto tutti i punti di vista! 
Non per niente è stato diretto da Greg Berlanti che è stato il produttore di tante serie che hanno accompagnato la me adolescente, come Dowson's Creek e Everwood, e la me più grandicella (e nerd) come Arrow e Flash. Insomma, stiamo parlando di uno che sa quello che fa e lo fa bene.



Personalmente mi sento di dirvi una cosa sola: segnatevi sul calendario il 31 maggio, data ufficiale di uscita nelle sale italiane, e andate a vedere Tuo, Simon. Non ve ne pentirete!
Mi dispiace non poter dire di più su questo film, ma immagino che, come me, anche alcuni di voi non abbiano letto il libro, quindi non voglio rovinarvi la visione, rischiando di svelare troppo solo perché se un film mi piace vado a macchinetta.

Il mio voto è:
🌟🌟🌟🌟 e mezzo
4,5/5

Non do il giudizio pieno (per il momento), perché non avendo letto il libro non me la sento.
Mi riservo di cambiarlo non appena avrò recuperato la lettura, prometto!



Alla prossima!

Silvia

2 commenti:

  1. Devo assolutamente vederlo, mi hai proprio fatto venir voglia di correre al cinema:non me lo lascerò scappare! Anche perché c'è Katherine Langford, che ha interpretato Hanna in "Tredici"e che mi ha davvero trasportata nella storia, spero non mi deluda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo vedi poi fammi sapere se ti è piaciuto! (sono un po' curiosa XD )
      Non ho mai visto "Tredici", devo recuperare, ma ho capito chi è l'attrice dato che qui interpreta il mio personaggio preferito (dopo Simon). A me è piaciuta molto e non la conoscevo, quindi credo piacerà anche a te che già sapevi chi era ;)

      Elimina