mercoledì 18 settembre 2019

Manga! - Il giocattolo dei bambini di Miho Obana

Buon pomeriggio mie piccole volpi!
Mi sono assentata un paio di giorni, lo so...
Ma, rieccomi qui, con una nuova recensione!


Ebbene, miei cari, oggi parliamo di manga!
Finalmente sono riuscita a completare la lettura di un'altra serie manga e, ve lo confesso, non vedevo l'ora di parlarvene.
Prossimamente, poi, vi parlerò anche degli altri volumi che ho letto, perché ultimamente ne ho accumulati un bel po'.
Ma veniamo a noi...

☙ IL GIOCATTOLO DEI BAMBINI ❧

Il giocattolo dei bambini
di Miho Obana

Genere: shojo, scolastico, commedia, drammatico, sentimentale
Disegni: Miho Obana
Storia: Miho Obana
Editore: Dynit
Pagine (per volume): 265
Numero volumi: 7
Anno di pubblicazione: 2018
Adattamenti disponibili: anime
Prezzo (per volume): 12,90€


Trama:
Sana è una ragazzina estroversa, nonché interprete di una popolare trasmissione televisiva; Akito, al contrario, vive un'adolescenza difficile e turbolenta... Tra i due, compagni di classe, i rapporti sembrano avviati lungo la strada della conflittualità, fino al momento in cui tra i due nasce una inaspettata complicità...

lunedì 16 settembre 2019

Le acque del sonno eterno di Maria Cristina Pizzuto | recensione |

Buon pomeriggio mie piccole volpi!
Rieccomi con una nuova recensione.
Anche oggi vi parlo di libri!


Prosegue il super recuperone delle letture di agosto perché, come già vi ho detto - ma repetita iuvant - ho deciso di sospendere la pubblicazione sul blog mentre ero in ferie, per potermi rilassare un pochino.
Le acque del sonno eterno
di Maria Cristina Pizzuto

Editore: PubMe - collana policromia
Pagine: 152
Prezzo: 14,00€ (ebook 2,99€)
Pubblicazione: 17 luglio 2019
Link acquisto: cartaceo/ebook

Trama:
SARA, rimasta orfana a causa di un incidente, è costretta ad andare a vivere al castello del suo austero zio Alberto, in una cittadina chiamata Pomlete.
Al suo arrivo è accolta con estrema freddezza ma, con il passare dei giorni, fa amicizia con Marta, la cuoca, e con Erika, la moglie defunta
dello zio.
Saranno proprio lo spirito di Erika e la pazienza di Sara a sciogliere il cuore arido e indurito di Alberto, trasformandolo in una persona cordiale e amabile.
Nonostante i ripetuti moniti di Erika di stare lontana dall’acqua, Sara deciderà di trasferirsi in un paesino nei pressi di una diga, dove troverà la sua indipendenza e l’amore al fianco di Francesco, fino al fatidico giorno in cui la diga riverserà le sue acque sul centro abitato, trasformando le loro vite per sempre...


domenica 15 settembre 2019

Dorama! - Kagi no kakatta heya | recensione |

Buon pomeriggio mie piccole volpi!
Lasciamo un attimo in sospeso le recensioni librose...
Perché oggi vi parlo di un dorama!


Continua il recuperone, con il dorama di agosto!
Complici le ferie e la scoperta di Viki, app molto carina se vi piacciono Jdrama e Kdrama, in realtà questo è uno dei dorama di agosto, perché ne ho recuperati ben due.
Dell'altro  vi parlerò domenica prossima, quindi cominciamo!
☙  KAGI NO KAKATTA HEYA  ❧

Titolo: Kagi no Kakatta Heya (The Locked Room Murders - Gli omicidi delle stanze chiuse)
Titolo originale: 部屋 の か か っ 部屋 部屋
Paese: Giappone
Anno: 2012
Episodi: 11 + special (2014)
Genere: thriller, poliziesco, giallo, mistero
Regia: Matsuyama Hiroaki (ep1-2,5,8,11), Kato Yusuke (ep3-4,7,10), Ishii Yusuke (ep6,9)
Cast principale: Satoshi Ohno, Erika Toda, Koichi Sato.

Tratto da: basata sul ciclo di romanzi Bouhan Tantei Enomoto di Yusuke Kishi, intitolati The Glass Hammer (子 の ハ ン マ ー), La casa di Will-o'-the-Wisp (狐 火 の 家) e The Locked Room Murders (鍵 の か か っ た 部屋).
Altri dati: il dorama è basato sull'enigma della camera chiusa. Si tratta di un dorama stagionale (getsuko). Il tema dei titoli di coda " " è cantato dagli Arashi, gruppo idol di cui Ohno è il leader.

Trama: 
Kei Enomoto è un addetto della sicurezza per un'azienda del settore: uno specialista, un vero otaku del genere, dedito al miglioramento dei sistemi giorno per giorno. Calmo, distaccato, profondo conoscitore della Fisica, delle Scienze e di tutto ciò che abbia una logica; secondo la sua opinione, non c'è chiave che non possa essere sbloccata.
Nel cercare di risolvere un mistero dietro un omicidio a porte chiuse, arriva a collaborare fianco a fianco con Junko Aoto e Gou Serizawa, avvocati presso un prestigioso studio: la ragazza è diretta e si fida del proprio istinto, mentre per Serizawa il tempo è denaro, e pertanto nessun incarico sarà accettato senza l'obiettivo di un profitto. Insieme, i tre comporranno un team bizzarro ma eccellente.


venerdì 13 settembre 2019

La bambina che annusava i libri di Manuela Chiarottino | recensione |

Buon pomeriggio mie piccole volpi!
Continua il recuperone degli arretrati.
Anche oggi vi parlo di libri!

Anche oggi sono qui con un nuovo articolo, o meglio una nuova recensione!
Si tratta, nuovamente, del recupero di una delle letture di agosto ma, come vi dicevo ieri, mancano pochi articoli e potremo considerare questo ennesimo "recuperone" finalmente concluso.
Portate pazienza!

La bambina che annusava i libri
di Manuela Chiarottino

Editore: More Stories 
Pagine: 262
Prezzo: 10,39€ (ebook 2,99€)
Pubblicazione: 8 luglio 2019
Link acquisto: cartaceo/ebook

Trama: 
Per Stella, cresciuta in una famiglia di antichi stampatori, i libri sono come degli amici. Non solo ama leggerli, ma li conosce profondamente, riuscendo a distinguerli dall’odore e dalla grana delle pagine, capacità fondamentali per lavorare, insieme al padre, nella libreria di famiglia.
La vita tranquilla di Stella subisce un brusco cambiamento quando la ragazza riceve in eredità dal nonno un libro molto antico e una strana lettera. In essa si parla di una collezione di volumi preziosi, nascosti in un luogo segreto. Sta a lei risolvere l’enigma del nonno e ritrovarli.

In una ricerca convulsa tra i paesi della Toscana, in compagnia di un affascinante e ambiguo restauratore, Stella si addentrerà nei misteri della sua famiglia e del suo cuore, imparando a lasciarsi andare ai sentimenti, pagina dopo pagina.

giovedì 12 settembre 2019

La locanda sul porto di Manuela Chiarottino | recensione |

Buon pomeriggio mie piccole volpi!
Anche oggi un nuovo articolo tutto per voi.
E anche oggi vi parlo di libri!


Eccomi qui con un nuovo articolo e, quindi, una nuova recensione.
Anche oggi si tratta del recupero di una delle letture di agosto.
Non preoccupatevi, il recuperone non durerà ancora per molto, con l'inizio della nuova settimana dovrei - e dico dovrei - riuscire ad iniziare la pubblicazione delle recensioni "nuove".


 La locanda sul porto
di Manuela Chiarottino

Editore: Triskell Edizione
Pagine: 228
Prezzo: 10,00€ (ebook 4,99€)
Pubblicazione: 13 agosto 2019
Link acquisto: cartaceo/ebook

Trama:

Aidan è partito da un piccolo paese della Cornovaglia anni prima, cacciato dal padre per la sua omosessualità. Non sarebbe voluto più tornare, ma la morte del genitore lo costringe a farlo. Si sistema in una malridotta locanda sul porto di proprietà di Boyd, uno scozzese dal sorriso facile, la lingua lunga e un passato racchiuso in una cicatrice seminascosta dalla folta barba. Con suo stupore Aidan scopre che il padre gli ha lasciato il ristorante di famiglia, mentre la casa andrà a sua sorella Rose, che lo odia cordialmente. Intenzionato a vendere tutto e partire il prima possibile, giorno dopo giorno scoprirà che non è così facile come credeva. Rivedere quei luoghi, le brughiere, le scogliere che scendono ripide sull’oceano, andare a visitare la tomba della madre, entrare nel ristorante e rivivere ricordi dell’infanzia e soprattutto lo strano e intenso rapporto che si crea con Boyd, lo trattengono. Ma c’è anche qualcosa che deve scoprire: la morte del padre non sembra così naturale come tutti vogliono fargli credere.